#Sanremo2023, prima conferenza stampa. Coletta e le differenze tra Madame e Remigi/Montesano, Amadeus chiarisce su Toffanin e parla della controprogrammazione

Prima conferenza d’avvicinamento per il Festival di Sanremo 2023. A margine dell’ascolto dei brani dei big, riservato ai giornalisti, Amadeus e il direttore Stefano Coletta hanno risposto ad alcune domande. Ecco i temi affrontati e ciò che hanno dichiarato.

Controprogrammazione Mediaset

Stefano Coletta: “Noi facciamo il Festival e davvero non dobbiamo essere distratti da ciò che accade intorno. Ovviamente ci sarà una legittimità nella scelta del gruppo Mediaset, noi però giochiamo la nostra partita con molta serenità”. E ancora: “Gli ascolti dello scorso anno sono stati così straordinari e mi sento di dire che Amadeus porta grandi sorprese”.

Amadeus: “E’ chiaro che una controprogrammazione qualcosa ti può portare via. Ma noi dobbiamo fare il nostro (…). Sarebbe sbagliato pensare di porsi l’obiettivo di fare un punto in più dello anno scorso. Dobbiamo fare bene, dobbiamo fare ascolti importanti ma tenere conto del gradimento”.

Caso Madame

Amadeus: “Non cambia nulla rispetto alle mie ultime dichiarazioni. Sarebbe un grandissimo errore se estromettessimo Madame dal Festival di Sanremo. Ci sarà un’indagine (…). E’ escluso che lei si possa ritirare o che io la mandi via (…) Nel 2021 ha seguito il protocollo”.

Coletta sulla differenza tra Madame e i casi Remigi, Montesano e Morgan: “La posizione giuridica di Madame è indagata. Per Montesano e Memo Remigi le immagini parlavano da sole per il mancato rispetto del pubblico e dei criteri fondativi del servizio pubblico. Mi sembra che siamo in una posizione diversa, non sappiamo come siano andate le cose rispetto a Madame, negli altri casi ci sono state prove evidenti”. Coletta non si ricordava invece della squalifica di Morgan per l’intervista sulla droga.

Albano

Amadeus: “Albano vorrebbe ogni anno partecipare in gara. Me l’aveva detto anche quest’anno (…). Poi mi è venuta in mente questa idea… L’ho proposta prima ancora ad Albano che a Massimo e a Gianni, e Albano mi ha detto: ‘questa idea mi piace di più’”.

Numero di canzoni salito a 28

Amadeus: “Faccio molta fatica ad escludere alcune canzoni (…) Quest’anno ho aumentato i giovani, potevo ridurre i big ma non ce la facevo, anzi volevo arrivare a 30, poi ho pensato mi ammazzano! Io penso che il pubblico apprezzerà anche se si farà notte. I risultati hanno dimostrato che il pubblico ci segue fino alle 2 di notte”.

Vespa e Zelensky

Amadeus dichiara che non sapeva che ieri Vespa avrebbe annunciato Zelensky a Sanremo. L’intervento del presidente ucraino dovrebbe essere registrato.

Covid

Amadeus: “Ci sarà sempre l’attenzione (…). Non mi sento di escludere un cantante da una gara se si è preso il Covid o l’australiana. Speriamo stiano tutti bene”.

Quarta direzione per Amadeus

Il conduttore: “Sono più tranquillo. Arrivato al quarto anno conosco la macchina ma ogni anno mi dà nuove sensazioni. Dovrebbe essere più simile al primo anno quando non c’era il Covid”.

Donne e monologhi

Amadeus: “Ognuna di loro ha totale libertà. Quando contatto le donne, do loro totale libertà. Ognuna di loro quasi mi propone un monologo, mi dice ‘mi piacerebbe porre l’attenzione su quest’aspetto’ (…) Anche quest’anno è stato così. Sono felice che le personalità femminili, anche diverse, salgono sul palco e abbiano il piacere di dire ciò che desiderano”. Interpellato su una possibile trattazione di ciò che sta accadendo in Iran, Amadeus risponde: “Ci stiamo pensando e non potrebbe essere altrimenti”.

Piazza Colombo

Amadeus annuncerà nel suo primo Tik Tok, che verrà pubblicato mercoledì mattina, i 5 artisti che si esibiranno in Piazza Colombo a Sanremo.

Arisa scartata con La Vita Splendida

Amadeus commenta l’esclusione di Arisa, avvenuta in passato, con il brano La Vita Splendida, poi cantato da Tiziano Ferro: “Quella canzone interpretata da Arisa, ritenevo non fosse da Arisa (…) Ritengo che quella canzone è bella interpretata dall’autore perchè ha una caratteristica netta dell’autore. Non possiamo sapere come sarebbe andata se l’avesse fatta Arisa”.

Spoiler testo di Giorgia

Amadeus: “Non c’è dolo, non c’è nulla. Io sono come Orsato, il fallo lo fischio solo se netto e intenzionale”.

Silvia Toffanin a Sanremo

Amadeus: “Parliamo di chi sarà a Sanremo. Non vorrei tornare sull’argomento, la spiegazione c’è già stata. C’è stata chiaramente una richiesta nel primo anno, quest’anno non c’è stata una richiesta. Con Graziella (l’agente della Toffanin, ndDM) ci conosciamo da 30 anni, avevo letto delle indiscrezioni su un sito sulla Toffanin a Sanremo e le ho mandato un messaggio con scritto “perchè accetterebbe?” e la faccia che ride, come dire… Lei mi ha risposto ‘non credo proprio, non so perchè sia uscita questa notizia’. Gli inviti ufficiali li faccio in maniera diversa, non con un messaggio con l’emoticon con la faccia che sorride. Quando invito qualcuno lo faccio personalmente”.

Scelta dei pezzi

Il primo pezzo arrivato è stato L’addio dei Coma Cose che Amadeus ha sentito per tutta l’estate.

Shari / Salmo

Amadeus al giornalista che ipotizzava un legame tra l’ingresso di Shari nei big e l’ospitata di Salmo: “Quando ho sentito la seconda canzone di Shari mi è piaciuta, poi ho saputo gli autori. Se tu (rivolto al giornalista, ndDM) stai pensando che io scelga Shari per avere Salmo sulla nave è una cosa che non mi appartiene“.

Assenza Fiorello

Amadeus: “Io vorrei avere sempre Rosario a Sanremo ma la decisione spetta a lui. Oggi ha fatto una battuta: io sono il suo Shakira, gli offerto l’Ariston e lui ha scelto un glass! In ogni caso lo sento ugualmente vicino anche se non dovesse venire a Sanremo”.

Comici

Il conduttore dichiara che in questo momento non sono previsti ospiti comici “poi vediamo cosa accade da qui a Sanremo, mai dire mai”.

Ospiti

Al giornalista che etichetta come ‘bolliti’ i Black Eyed Peas, Amadeus risponde: “Parlare di bolliti è una bruttissima parola da parte di un giornalista musicale… Non esiste un cantante bollito, esiste un cantante che ha un suo percorso, che piace al pubblico (…) Io penso che siano una figata”. Allo stesso tempo sugli ospiti internazionali precisa: “Non ho chiuso gli annunci. E’ possibile che ci sia un altro nome internazionale, me lo auguro“. Non sono previsti altri ospiti sportivi nè tanto meno Federer.

Donne

Amadeus: “La Ferragni è una ragazza fortissima, un’imprenditrice digitale che non vi devo raccontare, l’ho invitata personalmente ogni anno, è una ragazza che è famosa nel mondo. Mi piace che la gente possa vederla sul palco e non su un cellulare. La Fagnani è fortissima, mi affascina, mi piace questo modo di fare giornalismo, che piace molto ai giovani, diretto, schietto, senza arroganza”. Su Paola Egonu invece: “Ogni anno penso ad un nome sportivo, è una ragazza molto sensibile, vorrei che raccontasse la sua storia…” . Su Chiara Francini: “Volevo un’attrice, pensavo a lei da un po’ di tempo e mi fa piacere che nessuno l’avesse citata, quasi sempre scelgo nomi che non leggo sui giornali. Attrice di teatro, cinema, non è detto che qualcosa del suo spettacolo teatrale non arrivi sul palco dell’Ariston”.

Advertisement